20 ottobre 2017
 

1997-98


1997-98

  
Battuto in casa un San Marco Avenza distratto Cappiano si veste da corsaro
il Tirreno — 22 settembre 1997 pagina -1 sezione: SPORT


San Marco Avenza Cappiano Romaiano 1 2
SAN MARCO AVENZA: Tinfena, Frediani, Gasparotti, Gassani (46' Bedini), Pellacani (58' Lorenzini Stefano), Laghi, De Stefano (46' Grossi), Lorenzetti, Chelotti, Di Maio, Pisani. (A d. Montano e Trombella). All. Luciano Maracci. CAPPIANO ROMAIANO: Lazzeretti, Gaggini, Ceragioli, Alessi (82' Piergentili), Vichi (65' Ciavorella), Brotini, Berti, Ciricosta, Coppola (19' Puccinelli), Lorenzini Dino, Del Bino. (A d. Guidi e Lombardo). All. Giuliano Niccolai. ARBITRO: Veraccini di Pisa (Sasso e Basta). RETI: 5' Ciricosta; 51' Brotini (aut.); 58' D. Lorenzini (r.). NOTE: espulsi Tinfena (58') e Grossi (74'); ammoniti Frediani, Grossi, Bedini, Alessi, Berti e Puccinelli; angoli 8-2 per il San Marco. di Fabrizio Palagi AVENZA DI CARRARA - Fa tutto il Cappiano (per quanto riguarda le segnature) ed il direttore di gara (per ciò che concerne l'andamento in negativo della prestazione offerta dal San Marco) nella gara inaugurale del campionato di Eccellenza, contraddistinta da un opaco primo tempo e da un'appassionata ripresa da parte dei padroni di casa. A scombinare i piani predisposti dal San Marco, poi, il repentino e bellissimo gol realizzato su punizione dal bravo Ciricosta. Subìto lo svantaggio, Gasparotti & c. si buttano in avanti, ma ottengono poco, se non incassare ammonizioni anche banali da parte di un arbitro che certe volte lascia correre troppo ed altre è sin troppo fiscale. Il pareggio-autorete arriva sugli sviluppi di una punizione calciata da Di Maio. Poi il fattaccio al 58': Puccinelli, lanciato a rete sul filo del fuorigioco, viene affrontato da Tinfena ed entrambi finiscono a terra. Rigore (contestatissimo e da pochi visto), con espulsione del portiere. Poi la sagra dei fuorigiochi visti e non, l'espulsione gratuita di Grossi ed il generoso assalto del S. Marco che, proprio in nove, esprime le cose migliori della gara.

Del carrarese Braida il gol decisivo San Marco Avenza (pareggio con il Forte) esce dalla Coppa Italia
il Tirreno — 14 settembre 1997 pagina -1 sezione: CARRARA


Forte dei Marmi San Marco Avenza 1 1 F. MARMI: Ciuffi, Francini, Gemignani, Marafetti, Lucchesi, Bacci, Verona (46' Del Chiaro), Leone, Russo, Mariani, Braida. All. Bergamini. S. MARCO: Tinfena, Frediani, Gasparotti, Lorenzetti, Pellacani, Laghi (53' Grossi), Gassani, De Stefano, Chelotti, Di Maio (65' Trombella), Pisani (68' Venturini). All.Maracci. ARBITRO: Ortis di Firenze. RETI: 5' Chelotti; 74' Braida. SERAVEZZA - Grazie al pareggio nel ritorno col San Marco, il Forte dei Marmi supera il turno di Coppa Italia. L'incontro, giocato fra squadre ancora in rodaggio non è stato molto spettacolare. Tra i nerazzurri ha spiccato, come previsto, l'intramontabile Mariani, dai cui piedi sono partite tutte le azioni più pericolose. Le note dolenti giungono dall'attacco dove Russo deve giocare di più per la squadra. La cronaca. Al 4' Mariani da fuori area su punizione coglie la base del palo sul rovesciamento dell'azione; al 5' la sfera giunge sui piedi di Chelotti che dopo una serie di contrasti supera Ciuffi in uscita. Al 27' un intelligente assist aereo di Mariani libera Braida che calcia però sul portiere. Nella ripresa il gioco stenta a decollare nonostante il Forte debba segnare per evitare i supplementari. Al 15' Mariani serve Braida che di sinistro manda il pallone a sfiorare il palo al 18' Leone lancia in profondità a Russo sul cui tiro Tinfena è pronto alla deviazione. E' un buon momento questo per il Forte che al 29' trova il pari con Braida che approfitta di una colossale disattenzione della difesa avversaria. Al 35' i nerazzurri avrebbero addirittura la possibilità di ribaltare il risultato, sempre con Braeda che trova però ancora una volta sulla propria strada Tinfena, i minuti finali vedono il Forte accontentarsi del pareggio. (r.v.)

San Marco pareggia sul terreno del Forte dei Marmi

il Tirreno — 28 settembre 1997   pagina -1   sezione: CARRARA


Forte dei Marmi S. Marco Avenza 1 1
FORTE: Ciuffi 6, Francini 6, Russo V. 6, Sacchetti 6, Marafetti 6,5, Bacci 6,5, Meruzzi 6, Leoni 5, Russo A. 6, Mariani 6, Braida 6. All. Bergamini.
S. MARCO: Lorenzini 6, Frediani 6 (63' Musetti s.v.), Gasparotti 6, Lorenzetti 6, Pellacani 5,5, Laghi 6, Gassani 6, Bedini 6, Chelotti 6,5, Di Maio 6 (63' Trombella s.v.), Pisani 6. All. Marracci.
ARB.: Bindi di Valdarno.
RETI: 22' Chelotti, 46' Mariani (rig.).
NOTE: all'85' espulso Leone per gioco scorretto. di Andrea Bazzichi
FORTE - Nella prima partita casalinga della stagione il Forte viene fermato 1-1 sul pareggio da un guardingo S. Marco al termine di un incontro molto deludente. I nerazzurri hanno esercitato una costante ma sterile supremazia territoriale e di tiri verso la porta difesa da Lorenzini se ne sono visti veramente pochi tanto che si può dire che il S. Marco abbia ottenuto un meritato punto. Dopo un avvio alla camomilla al 22' giunge a ciel sereno il vantaggio degli ospiti con un gran destro di Chelotti da fuori area che coglie il «sette» superando l'incolpevole Ciuffi. Il Forte mantiene l'iniziativa ma le azioni si spengono al limite dell'area. Nella ripresa subito in apertura il Forte agguanta il meritato pareggio non tanto per le occasioni create quanto per il fatto che il S. Marco non aveva legittimato per niente il vantaggio. Al 46' infatti è Mariani a realizzare il rigore decretato per un fallo subìto da Marafetti. Al 23' Trombella in contropiede tenta l'eurogol ma Ciuffi fuori dai pali fa in tempo ad intervenire. Aumenta il nervosismo tra le file dei padroni di casa che si prodigano senza risultato apprezzabile ed all'85' Leoni rimedia un discutibile cartellino rosso per un fallo su Chelotti. In chiusura per poco non ci scappa la beffa per il Forte: al 94' un tiro di Lorenzetti viene deviato da un difensore e solo all'ultimo momento Ciuffi salva in corner

Il San Marco è un osso duro ma ci pensa Favilli all'82' Alabastri Volterra con il cuore

il Tirreno — 13 ottobre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


Alabastri Volterra San Marco Avenza 1 0 ALABASTRI VOLTERRA: Montagnani (76' Gasperini), Minuti, Gelli, Mainero, Lonzi, Antonpaoli, D'Addario, Cortopassi, Onnis (76' Guarguaglini), Favilli, Pellegrini (88' Ticciati). All. Lombardi. SAN MARCO AVENZA: Tinfena, Frediani, Gasparotti, Musetti, Pellecane, Cagni, Nullo (72' Montano), Bedini, Chelotti, Trombella (72' Di Maio), Gassani (83' Lorezzetti). All. Maracci. ARBITRO: Bertini di Empoli. RETE: Favilli 82' NOTE: ammoniti Cortopassi, Cagni, Geli, Minuti e Pellegrini. VOLTERRA - Ancora una vittoria che l'Alabastri riesce a raccogliere negli ultimi 15 minuti di gioco a testimonianza del grande carattere di questa squadra. Ma venire a capo del San Marco Avenza è stato piuttosto difficile per gli uomini di Lombardi, apparsi per lunghi tratti dell'incontro sotto tono, imbrigliati da un avversario che vale molto di più di quanto non dica la sua attuale classifica. Si doveva attendere il 33' per la prima azione pericolosa del Volterra, con un colpo di testa di Pellegrini di poco a lato. Passavano tre minuti e Favilli dalla sinistra pescava la testa di D'Addario, ma Tinfena era bravo a sventare con sicurezza. La ripresa si apriva con un palo di Antonpaoli su punizione. I volterrani apparivano più determinati ed al 12' ancora Antonpaoli coglieva la base del palo con una punizione dalla lunga distanza. Il San Marco riusciva però a chiudere bene gli spazi, non lasciando sbocchi all'azione dell'Alabastri ed apparendo così in grado di poter cogliere un prezioso pareggio. Ma l'Alabastri non ci stava. Lombardi inservia Guarguaglini e il peso dell'attacco volterrano aumentava. Al 37' D'Addario si involava sull destra e sul suo cross Pellegrini faceva velo per Favilli, il cui diagonale non lasciava scampo a Tinfena. Alberto Giustarini.

Cecina pratico fa il pieno ad Avenza Tre punti pesanti per volare anche se il San Marco può recriminare

il Tirreno — 20 ottobre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Avenza Cecina 1 2 SAN MARCO AVENZA - Tinfena, Pellacani, Gasparotti, Musetti (78' Lorenzetti), Bedini, Frediani, Nullo, De Stefano (46' Chelotti), Di Maio, Trombella (65' Salvetti), Gassani. (A disp. Migliario e Passani). Zll. Luciano Maracci. CECINA: Vecchi, Ferri, Cavalcante, Filippeschi, Ghimenti, Guidoni, Madda, Fruzza, Cataldi, Forno, Lecci (85' Agostini). (A disp. Zigoli, Brontolone, Biggi e Lecci). All. Favarin. ARBITRO: Scriminaci di Pistoia (Ciervo e Carradori). RETI: 35' Lecci; 53' Forno; 59' Pellacani. NOTE: espulso Forno (68') per proteste; ammoniti Gasparotti, Bedini, Nullo, Ferri, Lecci e Ghimenti; angoli 6-3 per il San Marco. di Fabrizio Palagi AVENZA DI CARRARA - Una sconfitta doppiamente assurda, per lo sfortunato team di casa. Perdere contro il Cecina visto alla Covetta, pur ammettendo la buona caratura dell'avversario, assume il sapore di una beffa, sia per il modo con cui è maturato il nuovo stop interno, che per il grande impegno con il quale i rossoblù di casa (nell'occasione in maglia bianca) hanno interpretato la delicata gara. Merita comunque essere sottolineato che il gioco del San Marco è lontano anni-luce da quello cui erano abituati i suoi sostenitori, di fatto costellato da imprecisioni ed ingenuità davvero eccessive per un campionato di Eccellenza. Regalare due gol come quelli con cui il Cecina ha intascato i tre punti, appare quantomeno assurdo, considerando poi che i locali hanno sprecato numerose opportunità nelle battute iniziali dell'incontro. Ma tant'è. Il San Marco resta in fondo alla classifica ed il Cecina vola alto, anche se le due squadre non sono sembrate, almeno nel confronto diretto, così diametralmente opposte. La cronaca. Parte a razzo il San Marco, deciso a riscattare il deludente inizio di stagione. De Stefano prende le misure a Vecchi (8'), con un gran tiro che l'attento estremo difensore ospite respinge d'istinto. Un minuto dopo è Di Maio ad allarmare la retroguardia del Cecina, ma il suo tiro viene devìato in corner. Al 13' Pellacani fà le prove generali per il gran gol che realizzerà nella ripresa e con il quale i locali si illuderanno di riagguantare il risultato: colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo e pallone fuori di poco. Passa il Cecina al 35', sfruttando al meglio una punizione da centrocampo: pallone portato astutamente in avanti, battuta fulminea, difesa avenzina in fase di attesa e velenoso tiro di Lecci, con la sfera che passa tra Tinfena ed il palo destro della sua porta. Ripresa. I locali vogliono pareggiare e si buttano a testa bassa nella mischia, con Trombella (48') che impegna Vecchi. Arriva invece il raddoppio: Bedini, appena fuori della propria area, passa all'indietro un pallone che il solitario Forno sfrutta al meglio. Reazione del San Marco, con il gol di Pellacani, segnato di testa. Poi l'espulsione di Forno fa intravvedere agli avenzini la possibilità di pareggiare, ma l'assalto al Cecina non sortisce effetti positivi, se non stigmatizzare lo sfortunato periodo dei rossoblù, d'ora in avanti costretti a lottare con il coltello fra i denti in ogni loro uscita.

A parte la rete anche il Tuttocalzatura non brilla San Marco ancora sconfitto

il Tirreno — 27 ottobre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Avenza Tuttocalzatura 0 1 SAN MARCO AVENZA: Tinfena, Frediani, Gasparotti, Gassani, Pellacani, Nullo, De Stefano (57' Laghi), Musetti, Chelotti, Di Maio, Passani (30' Salvetti e dal 75' Vaira). (A disp. Meruzzi e Lorenzetti). All. Luciano Maracci. TUTTOCALZATURA: Ribechini, Pellegrini, Galassi, Bigarani, Longobardi, Crocetti, Marinai (77' Sarco), Faraoni, Palagi (46' Graziani), Ravenna, Mazzei. (A disp. Siri, Ivone e Rossi). All. Bigarani. ARBITRO: Mugnai di San Giovanni Valdarno (Lubrano e Indomenico). RETE: 85' Ravenna. NOTE: espulsi Longobardi e Di Maio (22') per reciproche scorrettezze; ammoniti Gasparotti, De Stefano, Bigarani, Crocetti e Marinai; angoli 4-3 per il Tuttocalzatura. di Fabrizio Palagi AVENZA DI CARRARA - Ancora una sconfitta per il San Marco, al termine di una gara nella quale nulla di bello si è visto da parte di entrambe le squadre, se non avere la conferma che avenzini e pisani meritano le posizioni di classifica occupate. Comunque sono stati gli ospiti a fare qualcosa in più dei locali (oltre al gol), i quali nell'occasione hanno veramente toccato il fondo, facendo inasprire anche i pochi sostenitori rimasti loro fedeli. Il San Marco non ha più niente della bella squadra ammirata negli scorsi anni e adesso la sua situazione si fa davvero critica, visto che per salvarsi dovrà disputare il resto del campionato seguendo una media-promozione. E la cosa pare difficile. Poco da dire sulla partita, visto che le note si riducono (oltre alla doppia ed ingenua espulsione) alle due punizioni di Ravenna (7' e 85'), la prima delle quali si infrange sulla traversa di Tinfena e la seconda finisce in rete. Poi l'affondo di Chelotti (27'), fuori di poco ed il buio pressocchè completo della ripresa (illuminato soltanto dal lampo del gol pisano). Davvero poco per una partita di Eccellenza.

Padroni di casa sempre in avanti ma è sufficiente Montale non passa col San Marco

il Tirreno — 03 novembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


Montale S. Marco Avenza 0 0 MONTALE: Landi, Landini (50' Bucci), Ducceschi (77' Ferri), Guasti, Cirri, Cobuzzi, Puliti, Guerrini, Barzagli, Guidi, Ginanni. All.: Landi. S. MARCO AVENZA: Tinfena, Frediani, Gasparotti, Musetti, Pellacani, Laghi, Nullo, Bedini, Tosi, Salvetti, Agnesini. All.: Marracci. ARBITRO: Turi di Pisa. NOTE: Espulsi Guerrini al 71' e Pellacani e Gasparotti al 76' e al 90'. MONTALE - Il Montale ha attaccato insistentemente per tutta la gara, ma le occasioni più grosse sono capitate all'Avenza, che si è chiuso a difesa della sua porta per 90' ma si è reso pericoloso in contropiede. Al 17' gli ospiti sprecavano un calcio di rigore con Tosi, che tirava fiacco ed esaltava l'intuizione e la presa del portiere Landi. La massima punizione era stata concessa dall'arbitro per un atterramento dello stesso Tosi, che si stava stoppando un pallone piuttosto innocuo quando Guasti lo colpiva sul piede di appoggio. Il Montale voleva a tutti i costi i tre punti, ma faticava a penetrare nella munita barriera degli ospiti. Al 17' ci provava Barzagli con un sinistro dal limite deviato da Tinfane, il quale era impegnato anche 10' più tardi da un colpo di testa di Guasti. Al 30' lo stesso Guasti e Cobuzzi tiravano con Tinfena fuori dai pali per un uscita aerea su Barzagli, ma i loro tiri erano respinti da un selva di gambe. Al 37' Tosi sprecava un altro jolly, saltando in contropiede anche il portiere Landi e facendosi però fermare da un miracoloso recupero da dietro di Cirri. E al 41' era Nullo a volare verso la porta costringendo in uscita il portiere montalese. Nel secondo tempo il Montale schiacciava gli ospiti nella loro area, ma la sua manovra restava confusa. Comunque i padroni di casa creavano dei pericoli con tiri di Barzagli all'8', di Ginanni al 20' e di Bucci al 46'. Ma proprio al 42' era Salvetti a presentarsi da solo davanti a Landi. Finiva a terra nello scontro con l'ultimo difensore ma l'arbitro lasciava correre. (m.b.)

Il Fucecchio non si fa sorprendere S. Marco, primo punto

il Tirreno — 10 novembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Avenza Fucecchio 0 0 SAN MARCO AVENZA: Tinfena, Luchesini, Bedini, Musetti, Frediani, Laghi, Nullo, Agnesini, Tosi, De Angeli (89' Fruzzetti), Gassani (76' Trombella). All. Luciano Maracci. FUCECCHIO: Bolognesi, Peluso, Veracini, Frediani A., Giusti, Settesoldi (46' Lucchesi), Bavieri (85' Mazzali), Fabbri, Bertolini, Gnudi, Barbanti (58' Bartalucci). ARBITRO: Magnolfi di Pistoia (Lelli e Taddeini). NOTE: pioggia torrenziale per gran parte della gara; nessun ammonito; angoli 9-4 per il Fucecchio. di Fabrizio Palagi AVENZA - Primo punto casalingo per il San Marco, colto sabato su un pesantissimo campo, al cospetto del Fucecchio, nell'anticipo della 8a giornata. Le principali azioni: precisa uscita aerea di Tinfena sul lanciato Bavieri (28'); pallonetto in diagonale di De Angeli (39') che sfiora il palo «corto»; il solito e intraprendente Bavieri (40') che sbaglia a porta vuota e l'affondo di De Angeli (45') con la palla che viene frenata dall'acqua, con il Fucecchio che manda in angolo. Da rilevare la respinta di Tinfena (77') in angolo su tiro di Bertolini e la duplice punizione (78' e 82') di Bertolini.

San Marco Avenza ko, il punteggio poteva essere più rotondo Isola d'Elba, un tris nella ripresa

il Tirreno — 17 novembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


S.M. AVENZA: Tinfena, Frediani, Gasparotti, Fruzzetti (54' Trombella), Bedini, Laghi, Agnesini, Musetti, Di Maio, Tosi, De Angeli (62' Pellacani). A disp.: Ceccarelli, Nullo e Vaina. All. Marracci. ARBITRO: Veracini di Pisa (Ciaramella e Ciliberti). RETI: al 47' Rovini, al 50' Magnani, al 67' Francini. di Gianni Giuffra PORTO AZZURRO - Il San Marco Avenza che era venuto al Santissimo di Porto Azzurro con il chiaro intento di difendersi è stato travolto pesantemente. Il 3-0 ci sta tutto e il risultato poteva essere ancora più rotondo. Società, giocatori e pubblico però non hanno potuto gioire fino in fondo a causa di un incidente di gioco capitato a Francini quasi al termine della gara. I padroni di casa fanno tutto nel secondo tempo. Al 47' sblocca la situazione uno dei migliori in campo. L'azione parte da Turoni e Navone che spezzano una trama degli avversari, la palla giunge a Magnani, perfetto assist del bomber per Rovini il quale al volo di sinistro infila la porta avversaria. Sulle ali del raggiunto vantaggio i locali raddoppiano quasi subito al 50' con Magnani, il quale con un pallonetto beffardo deposita la palla in rete. A questo punto il San Marco Avenza cerca di reagire e al 64' anche se l'azione è confusa i giocatori rossoblu creano un brivido a Galli, ma la palla si perde sul fondo. Proprio quando Tosi e compagni producono il massimo sforzo arriva il 3-0 ad opera di Francini che approfitta di un errore nella difesa ospite. Gli uomini di Zamboni sfiorano ancora la rete con Francini e Frangioni

Reti in bianco ma spettacolo ed emozioni sul terreno Brillano San Marco e Larcianese

il Tirreno — 24 novembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Avenza Larcianese 0 0 SAN MARCO: Ceccarelli (53' Tinfena), Frediani, Gasparotti, Musetti, Pellacani, Luchesini, De Angeli (60' Nullo), Bedini, Chelotti (86' Trombella), Di Maio, Agnesini. (A disp. Fruzzetti e Gassani). All. Luciano Maracci. LARCIANESE: Gelli, Pucci (52' Rossi), Simoni, Nistri, Bargellini, Gori, Bartolomei, Marini, Giannetti, Scarpato, Lischi. (A disp. Fregonas, Malucchi, Spinelli e Guerrieri). All. Nerozzi. ARBITRO: Gullà di Grosseto (Novi e Mancini). NOTE: ammoniti Pucci, Nistri, Lischi, Musetti, Luchesini e Bedini; angoli 5-0 per la Larcianese. di Fabrizio Palagi AVENZA DI CARRARA - Incontro scoppiettante, pur senza i lampi dei gol, tra due squadre che si sono affrontate apertamente, giocando in accettabili limiti di correttezza. Questa l'epigrafe della gara tra San Marco e Larcianese, corrispondente alla miglior prestazione casalinga degli avenzini, nello scorcio iniziale di un campionato davvero avaro di soddisfazioni. Succede un po' di tutto nel match fra i disperati rossoblù di casa ed i quotati viola ospiti: pali colpiti, gol sfiorati o evitati sulla linea di porta, numerose azioni degne di rilievo ed equa divisione del possesso di palla, sono il costrutto di cento minuti di gioco, nei quali le note salienti si sprecano. Chelotti (20') si fa parare una insidiosa conclusione, mentre il tiro di Musetti (23') rasenta il palo; doppia punizione di De Angeli (24' e 29') la prima parata e la seconda a lato. La Larcianese inizia con Marini (tiro piazzato al 33' e devìazione in angolo), proseguendo con Lischi (52'), il quale non trova il momento buono proprio sulla linea di porta e Scarpato (74'), il cui pericoloso diagonale viene devìato in angolo da Bedini, con conseguente palo scheggiato da Marini. Inframmezzate al tutto, le conclusioni di Chelotti (46' e 51') e Di Maio (69' e 90'), nell'ultima azione atterrato in area.

Quando il Picchi si scatena Travolto un San Marco Avenza in crisi

il Tirreno — 08 dicembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Avenza Picchi Livorno 0 3 SAN MARCO AVEZZA: Ceccarelli (35' Tinfena), Frediani, Gasparotti, Musetti, Pellacani (32' Di Maio e dal 60' Salvetti), Nullo, Carioli, Bedini, Chelotti, Trombella, Agnesini. (A disp. De Angeli e Vaira). All. Luciano Maracci. PICCHI LIVORNO: Cantini, Barsotti, Bosi, Adamo, Pozzi, Rogai, Masi, Barbieri, Di Fiandra (75' Mancini), Cardinali (82' Burini), Canessa (86' Zanni). (A disp. Della Valle e Motroni). All. Carocci. ARBITRO: Rocchi di Firenze (collaboratori: Di Prima e Bertozzi). RETI: 16', 28' e 61' Di Fiandra. NOTE: espulso Agnesini (90') per fallo di gioco; ammoniti Barsotti, Adamo e Carioli; angoli5-4 per il San Marco. di Fabrizio Palagi AVENZA DI CARRARA - Un crollo totale, con ben poche attenuanti, da parte del sempre più irriconoscibile San Marco, spettro della bella squadra ammirata sino a pochi mesi fa. Lo 0-3 subìto dal peraltro attrezzato Picchi (complimenti a Di Fiandra), certamente immeritevole della sua attuale classifica, suona con rintocchi tetri per la compagine rossoblù, alle prese con una delle più gravi crisi nel corso dei suoi settanta anni di storia. Essere ultimi del girone, è un conto; giocare (o meglio, non giocare) nel modo con cui è stato affrontato il club labronico, è altra cosa. Questo si sono più volte domandati i sempre meno numerosi sostenitori avenzini, tramortiti dai gol dello scatenato centravanti bianco-amaranto (difesa avenzina, dov'èri?) e stupiti della scialba prestazione del San Marco. La cronaca della gara è stata quasi tutta scritta dal Picchi, passato quasi subito in vantaggio ed al raddoppio prima della mezz'ora. Le prime due reti sono la fotocopia una dell'altra: lancio lungo da centrocampo a cercare (e trovare) Di Fiandra, con quest'ultimo che si beve i suoi «controllori» e infilza Ceccarelli, il quale lascerà il posto a Tinfena, prima dell'intervallo. Nei primi 45 minuti di gioco il San Marco si vede manifesta soltanto in occasione del tiro di Chelotti (23'), scagliato dalla lunga distanza è fuori dalla luce della porta difesa da Cantini. Ripresa. Al 54' Di Fiandra (ancora lui) fà le prove del terzo gol, staffilando a lato. Frediani (58') calcia una punizione dal limite, fuori di poco. Ma Di Fiandra vuole ed ottiene la tripletta: affondo sulla fascia destra e tiro in diagonale, segnando un «euro-gol» che beffa il malcapitato Tinfena. A questo punto la partita non ha più storia, con i livornesi che sembrano non voler infierire. Infine l'espulsione (fallo inutile) di Agnesini.

Le dimissioni del trainer rossoblù, da tre anni e mezzo sulla panchina avenzina Maracci lascia il San Marco Il ds Betti assume provvisoriamente la guida della squadra

il Tirreno — 12 dicembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


AVENZA - Luciano Maracci ha lasciato la guida del San Marco. A pochi giorni dalla pesante sconfitta casalinga patita contro il Picchi Livorno, il trainer rossoblù si è dimesso, lasciando a Paolo Betti, direttore sportivo del club avenzino, l'incombenza di reggerne anche le sorti tecniche. Un avvicendamente che era peraltro nell'aria, dopo la batosta subìta dai labronici ed evidentemente rimandato di qualche giorno nell'intento di ricucire uno strappo sempre più ampio, nel cui vuoto la compagine avenzina sta inabissandosi sempre più. E' stato lo stesso Betti a dare la notizia, nell'occasione rimarcando che il suo incarico è temporaneo, in attesa di ulteriori sviluppi: «Ho smesso da tempo di allenare per motivi di lavoro e perciò questa sarà soltanto una deroga provvisoria. Spero di saper infondere un pò di carica alla squadra in vista della delicatissima trasferta di Marlia, dove giocheremo contro una diretta concorrente nella lotta per la salvezza». Quello di domenica sarà infatti uno scontro da ultima spiaggia, dato che la Folgor è penultima, mentre il San Marco occupa la scomoda posizione di fondoclassifica. Maracci ha allenato il San Marco per tre anni e mezzo, centrando due consecutive promozioni, dalla 1a categoria all'Eccellenza. - Fabrizio Palagi

Al San Marco Avenza non basta aprire le marcature Folgor Marlia spreca ma vince

il Tirreno — 15 dicembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


Folgor Marlia San Marco Avenza 2 1 FOLGOR MARLIA: Lucchesi, Nardini, Biondi (dal 21' st Roventini e dal 44' st Baroni), Paolinelli, Pardini, Micheli, Madda, Guidotti, Palagi (dal 34' st Vannucci), Cerasa, Nardi. A disposizione: 12 Benedetti, 13 Giannoni. Allenatore: Marracci. SAN MARCO AVENZA: Ceccarelli, Gasparotti, Frediani, Lucchesini, Pellacani, Laghi, Mullo (dal 30' st Trombella), Musetti, Chelotti (dal 37' Salvetti), De Angeli (dal 13' st Carioli), Di Maio. A disposizione: 12 Tinfena, 13 Vaira. Allenatore: Betti. ARBITRO: De Clementi di Formia. RETI: al 14 pt Di Maio, al 23' pt Biondi e al 24' st Madda. NOTE: espulsi Lucchesini e Nardi. di Fabiano Tazioli MARLIA - Non sarebbe servito a nessuno il pareggio. Per Folgor e San Marco era la classica partita da ultima spiaggia: imperativo la vittoria per continuare ad alimentare le speranze di salvezza. Alla fine l'ha spuntata (2-1) la squadra di Marracci grazie ad una prestazione tutto cuore e non senza soffrire. Già perché sono stati gli ospiti a passare per primi in vantaggio con Di Maio che, approfittando di un'amnnesia della difesa, ha insaccato da pochi passi su passaggio di Chelotti. Sulla Folgor ha cominciato ad allungarsi l'ombra dell'ennesima sconfitta casalinga, ma ci ha pensato Biondi a riaccendere la fiammella della speranza al 23': punizione di Guidotti, colpo di testa del terzino sinistro che non ha dato scampo a Ceccarelli. La risposta della Folgor è stata affidata prima a Palagi (39'), poi a Pardini (41'). Nel secondo tempo i padroni di casa hanno sbagliato l'impossibile prima di centrare il 2-1. Al 6' Palagi si è fatto parare un calcio di rigore e al 13' lo stesso attaccante ha mancato clamorosamente il pallone a due passi dalla porta. Al 24' Madda ha firmato il raddoppio con un rasoterra di destro su assist di Guidotti. Nei minuti finali Nardi ha sfiorato in due occasioni il 3-1 prima di essere espulso per proteste.

La Cuoiopelli ottiene il successo ma non fa vedere cose eccelse Una nuova batosta per il San Marco Avenza

il Tirreno — 22 dicembre 1997   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Avenza Cuoiopelli 0 3 SAN MARCO AVENZA: Tinfena, Frediani, Laghi, Pelacani, Gasparotti, Gassani, Carioli (75' Menconi), Salvetti, De Angeli (65' Petrozza), Trombella, Pisani (26' Pastine). (A disp. Ceccarelli e Fruzzetti). Allenatore: Paolo Deste. CUOIOPELLI: Turbati (89' Maffei), Cantarelli, Colonnata, Benedetti, Gozzani, Bedini, Bikai (85' Valori), Baldacci, Cipriani, Magni, Mussi. (A disp. Fabbrini, Guidi e Rindi). All. Caramelli. ARBITRO: Gambini di Lucca (Palmisano e Ballarini). RETI: 46' (rig.) e 85' Cipriani; 90' Valori. NOTE: espulsi Pellacani (54'), Trombella (65') e Gasparotti (73'), tutti per doppia ammonizione; ammoniti Frediani, Carioli e Colonnata; angoli 8-7 per il San Marco. di Fabrizio Palagi AVENZA DI CARRARA - Altra batosta per i rossoblù di casa, stavolta subìta da una squadra che, malgrado l'esito finale, non ha certo fatto cose eccelse per meritare un risultato numerico così tanto vistoso. Difficile, quindi, raccontare una gara comunque ben interpretata dal San Marco, sceso in campo in formazione rinnovatissima e molto combattiva, almeno sino a quando le condizioni fisiche dei giocatori lo hanno permesso. Forse è stata la grande animosità degli avenzini (ed il conseguente spreco di energie) a causare un calo progressivo di rendimento; però è anche vero che le ammonizioni comminate in maniera molto disinvolta dal direttore di gara hanno fatto scempio dell'assetto tattico del San Marco, ritrovatosi in 8 uomini ad un quarto d'ora dal termine e sul risultato di 0-1. Tale situazione avrebbe stroncato qualsiasi squadra, ma non il team rossoblù visto con la Cuoiopelli, compagine tecnicamente molto attrezzata, ma un pò opaca sul campo della Covetta. Infatti è stato proprio in quel momento (77') che Laghi ha clamorosamente colpito un palo (a portiere battuto), avendo avuto così modo di pareggiare. Invece è arrivato l'uno-due della Cuoiopelli, preceduto dal palo centrato da Mussi (80'). Un San Marco battuto, ma uscito a testa alta dal campo.


Grosseto, la goleada non c'è stata Bell'inizio contro il San Marco Avenza, poi i maremmani frenano

il Tirreno — 05 gennaio 1998   pagina -1   sezione: SPORT


Grosseto San Marco Avenza 1 0 GROSSETO: Montorsi, Scorsini, Valvani, Pieri, Soatto, Bogi, Lagordi (71' Giannelli), Batazzi, Ferri, Bindi (82' Perini), Mucciarelli. 12 Cipolloni, 13 Draghi, 14 Franchi. Allenatore Cacitti. SAN MARCO AVENZA: Tinfani, Carioli (35' Fruzzetti), Passani, Frediani, Laghi, Gassani, Petrozza (78' Barbieri), Salvetti, De Angeli (46' Vaira), Musetti, Pastine. 12 Ceccarelli, 13 Menconi. Allenatore Deste. ARBITRO: Michelozzi di Prato. Assistenti: Arnetoli e Guarducci di Prato. RETE: 27' Ferri. NOTE: giornata nuvolosa, campo allentato, 500 gli spettatori. Ammoniti: Passani, Salvetti e Musetti, tutti della squadra ospitata. Angoli. 6-2 per il Grosseto. di Paolo Francalanci GROSSETO - Sembrava tutto facile per i maremmani padroni di casa opposti alla cenerentola: inizio a buon ritmo, diverse palle gol fino allo splendido rete di Ferri realizzata al 27' con un'azione degna di nota. Ferri libera di tacco capitan Bindi, il quale gli restituisce la palla in piena area, Ferri fa una mezza finta ed insacca di destro superando l'incolpevole e tra l'altro bravissimo portiere Tinfani. La via appare spianata, gli spettatori si aspettano una goleada, invece il Grosseto lentamente si spenge, le azioni si fanno meno brillanti, ma non prima di aver messo in evidenza un giovane Batazzi (1979) arrivato a livelli davvero eccezionali ed il solito Ferri, che ha giostrato in ogni parte del campo, in ogni reparto, difendendo, impostanto e cercando con insistenza il gol. Anche Lagordi ha disputato un primo tempo a tutto ritmo e la sua sostituzione ha fatto urlare la tifoseria per il disappunto. Proprio questa sostituzione ha permesso il ritorno in campo dopo cinque mesi di Giannelli, che nei pochi minuti ha fatto vedere di essere quasi pronto a riprendersi il posto da titolare. Nel primo tempo ci sono state alcune palle gol: al 5' punizione di Ferri che sfiora il palo alla sinistra del portiere; al 13' Lagordi serve Mucciarelli che manca un gol facile; al 19' Batazzi pesca Pieri che spara una bordata ma il bravo Tinfani riesce a deviare; al 35' Batazzi dà a Mucciarelli che si vede parare il suo tiro di testa dai piedi di Tinfani. Il tempo si chiude con un tiro di Soatto appena alto. Nel secondo tempo il Grosseto riesce a rendere tutto difficile: Scorsini si muove appena in difesa (ha un ginocchio in disordine), e l'Avenza comincia a crederci. Il minimo scarto è un invito a tentare ed i ragazzi di Deste lo fanno con volontà: per fortuna del Grosseto non ci sono goleador in grado di realizzare il pari. Passani, Gassani e Musetti mettono spesso in crisi la difesa biancorossa che appare scoordinata e confusa. In avanti il Grosseto si fa vivo a tratti: al 18' Bindi serve Lagordi, il suo delizioso pallonetto è fuori di un soffio. Al 21' azione corale dei locali: da Ferri a Lagordi a Mucciarelli a Bindi, che tira ma Tinfani si supera e devia in angolo. Entra Perini per Bindi: l'allenatore vuole più spinta ma poco cambia nel gioco. L'ultima parola è dell'Avenza con Musetti che ci prova dalla distanza ma Montorsi è attento e vigile. Il resto è pura routine e l'arbitro fischia la fine di un match non bello ma positivo per il Grosseto.    

Niente da fare malgrado gli sforzi per il fanalino di coda San Marco Avenza Il Cappiano Romaiano torna a sorridere

il Tirreno — 12 gennaio 1998   pagina -1   sezione: SPORT


Cappiano Romaiano S. M. Avenza 1 0 CAPPIANO ROMAIANO: Lazzeretti, Gaggini, Piergentili, ciricosta, Vichi, Brotini, Lombardo, Lorenzini F. (39' s.t. Bini), Coppola, Lorenzini D., Del Bino (11' s.t. Peruzzi). A disp. Guidi, Ciavorella, Ceragioli. All. Niccolai. S. M. AVENZA: Tinfena, Frediani, Laghi, Gasparotti, Pellacani, Gassani (10' s.t. Fruzzetti), Carioli, Lucchesini, Trombella, Musetti (26' p.t. Pastine), Salvetti. A disp. Ceccarelli, De Angeli, Petrozza. All. Deste. RETE: 38' p.t. Coppola. di Daniele Marzi PONTE A CAPPIANO - Torna a sorridere il Cappiano che riassapora il dolce gusto della vittoria dopo diverse giornate, sbarazzandosi non senza fatica del fanalino di coda San Marco Avenza. Nei primi minuti di gara il Cappiano pareva soffrire oltremodo la vivacità del centrocampo avenzino, veloce e intraprendente grazie alla fantasia di Lucchesini e il gran movimento a destra di Carioli, ma gli ospiti sono stati decisamente poco pungenti in avanti. Al 6' il S. Marco si rendeva seriamente pericoloso con un'ottima azione partita dai piedi di Lucchesini che serviva Frediani sulla destra, il difensore arrivava sul fondo e metteva in mezzo un buon pallone per Trombella che calciava al volo; da campione la risposta di Lazzeretti. I locali poi prendevano le redini del gioco in mano ed al 27' era Lombardo, bravissimo ad entrare in area in percussione a concludere due volte di destro, ma Tinfena prima d'istinto poi coi piedi diceva di no. Il gol partita arrivava al 38': punizione (una sorta di corner ravvicinato) di Ciricosta, la parabola era perfettamente calibrata per la testa di Coppola, che sbucava dalla mischia e batteva Tinfena. Nella ripresa il Cappiano tenta subito di chiudere la gara e già al 4' Lorenzini ha la palla buona, ma cincischia troppo e permette il recupero della difesa. L'occasione più limpida era però per gli ospiti che al 18' sfiorano il pari: il centrocampo fa filtrare la palla per Carioli che giunge fino al limite dell'area ma Lazzeretti in uscita è bravo a chiudergli lo specchio della porta, il numero sette aventino riesce lo stesso a calciare rasoterra ma la sua conclusione è fuori di un niente. La gara si avviava al termine senza sussulti col Cappiano alla ricerca del 2-0 ed il San Marco ad impedirlo con qualche patema di troppo.     

Per il San Marco Avenza ormai è davvero crisi nera Forte dei Marmi, tre punti d'oro

il Tirreno — 19 gennaio 1998   pagina -1   sezione: SPORT


FORTE DEI MARMI: Ciuffi, Lucchesi, Russo, Maraffetti, Lorieri, Balloni, Bertoneri (60' Meruzzi), Sacchetti, Florio (80' Petroni), Mariani, Conti (83'Mariotti). All. Del Monte. ARBITRO: Tronci di Firenze. RETI: 75'Meruzzi, 86'Petroni. di Nicola Morosini AVENZA_ Continua inesorabile la via crucis rossoblù. Pur non demeritando affatto sotto il profilo dell'impegno e del carattere, il San Marco deve cedere ancora una volta agli avversari ed a raccogliere i tre punti e ringraziare è questa volta il Forte dei Marmi bravissimo nell'intento di ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo o quasi. Un San Marco pieno di giovani aggressivi e determinati tra cui da sottolineare la grande prestazione di Lucchesini, sicuramente uno tra i migliori in campo, nulla ha potuto contro la cinica concretezza della formazione versiliese presa letteralmente per mano da Stefano Mariani per il quale l'anagrafe sembra non avere il minimo peso, capace di distribuire un'enormità di palloni per le punte apparse comunque troppo macchinose e prevedibili. Basti pensare che le reti della vittoria sono state segnate da due riserve. Dopo un primo tempo alla pari ed un inizio di ripresa sulla falsariga dei primi quarantacinque minuti, mister Del Monte ha avuto il colpo di genio di inserire Daniele Meruzzi, avenzino doc, che, con una splendida rete in contropiede al 75' si confermava autentica «bestia nera» del San Marco. Passavano dieci minuti e ci pensava Petroni a chiudere l'incontro. Per il Forte una vittoria che proietta fuori dalle zone calde, per il San Marco, purtroppo, è buio completo.    

S. Marco, sapore di vittoria Per l'Alabastri Volterra improvviso scivolone

il Tirreno — 02 febbraio 1998   pagina -1   sezione: SPORT


A. VOLTERRA: Montagnani, Minuti, Lonzi, Rebughini, Capitani, Antompaoli, Daddario, Cortopassi, Onnis, Ticciati, Pellegrini. A disp. Villa, Pacini, Bertonero, Onnis, Donati, All. Lombardi. ARBITRO: Luporini di Lucca (Andreuccetti-Torselli). RETE: 1' Salvetti. NOTE: espulsi Pellacani, Gassani, Onnis. di Nicola Morosini AVENZA- Finalmente il San Marco. Dopo ben diciannove turni in cui gli avenzini aveva racimolato la miseria di quattro punti la formazione rossoblù può con pieno merito ed enorme soddisfazione festeggiare il primo successo stagionale. Una vittoria ancora più importante se si considera il fatto di averla ottenuta contro il Volterra che non era certamente l'ultima arrivata dall'alto dei suoi 32 punti: si sa, il calcio è bello anche e soprattutto perchè in alcune occasioni sfugge ad ogni pronostico e quello che è successo sul terreno della Covetta ne è evidentemente la prova più lampante. La cronaca. Pronti via ed il San Marco si trova già in vantaggio. Il cronometro non ha neppure compiuto un giro completo di lancette che Salvetti è bravo a concludere da pochi passi una fulminante azione in verticale. Accusato il colpo gli ospiti si gettano in avanti alla ricerca disperata del pareggio con qualche conclusione dal limite. Al 26' è bravo Mariani a sventare una pericolosa punizione di Daddario. Ripresa. Passano cinque minuti ed è ancora l'estremo difensore avenzino, senza dubbio uno dei migliori in campo, a sventare con un grande riflesso una punizione di Antompaoli ed a ripetrsi sul susseguente corner. Il Volterra attacca a testa bassa ma il San Marco, col passare dei minuti crede sempre più nell'impresa al punto da chiudere con rabbia e determinazione ogni possibile varco agli avversari. Cresce il nervosismo e ne fanno le spese Pellacani, Gassani e Onnis espulsi dal campo. Dopo i minuti di recupero giunge il triplice fischio finale del signor Luporini e con esso l'urlo liberatorio del pubblico avenzino per un San Marco tutto cuore che conquista tre punti che non faranno molto alla classifica ma che invece sono importantissimi per il morale dei ragazzi sempre encomiabili sotto il profilo dell'impegno. Per il Volterra una sconfitta certamente non preventivata che brucia parecchio. Gli ospiti, colpiti a freddo hanno cercato di raddrizzare il match ma hanno dovuto fare i conti con un San Marco letteralmente «avvelenato» per l'andamento negativo di questa stagione.

Cecina formato super, Avenza affonda Livornesi a passo di carica: quattro reti, tre pali e primato solitario in classifica

il Tirreno — 09 febbraio 1998   pagina -1   sezione: SPORT


Cecina S. Marco Avenza 4 1 CECINA: Vecchi, Filippeschi, De Matola, Guidoni, Ghimenti, Fruzza, Madda (53' Agostini), De Petrillo (53' La Bruna), Di Luca, Forno, Lecci (46' Biggi). 12 Zigoli 15 Burchianti (all. Favarin). SAN MARCO AVENZA: Mariani, Carlini, Vaira, Frediani (65' Menconi), Lucchesini, Pisani, Carioli, Petrozza, Trombella, Barbieri, Pastine (46' Tintifena). 12 Ceccarelli 14 Passani 16 Marcucci (all. D'Este). ARBITRO: Antelmi di Firenze RETI: 7' e 22' Madda, 42' Lecci, 64' Forno, 82' Petrozza NOTE: spettatori 600. Angoli 7 a 1 per il Cecina. Ammonito Lucchesini. di Andrea Biondi CECINA - I rossoblù di Giancarlo Favarin superano 4-1 il San Marco Avenza centrando il quarto successo di fila e rafforzando la propria leadership nel campionato di Eccellenza. Adesso i punti di vantaggio sull'immediata inseguitrice (il Cascina) sono tre. Staccato di quattro lunghezze il Grosseto, fermato in casa sullo 0-0 dalla Larcianese. Il San Marco Avenza (ultimo con soli 7 punti) si presentava al Comunale come vittima designata, ma il successo ottenuto il turno precedente dai ragazzi di D'Este sul Volterra ha messo in allerta il Cecina, che non ha commesso l'errore di sottovalutare l'avversario. E così i padroni di casa (in serie positiva da dodici giornate) hanno subito archiviato la pratica: quattro reti, tre pali, azioni da gol in quantità industriale. Una partita a senso unico, che ha assunto ben presto i connotati di un allenamento, tanto schiacciante la superiorità dei cecinesi. Favarin si è così permesso di tenere a riposo alcuni titolari, togliendo Madda, capitan De Petrillo e Lecci per inserire Biggi, Agostini e La Bruna (classe '81, direttamente dalla formazione Allievi). Al 53' il mister rossoblù aveva già effettuato tutte le sostituzioni. Il Cecina (schierato con il 3-4-3) ha iniziato alla grande. Al 1' Lecci scodella in area per di Luca che manca di un soffio la deviazione vincente. Al 3' punizione di De Petrillo a lato. Al 7' il gol: Lecci pesca Madda in area che di testa indirizza la sfera sotto il montante. Al 22' Madda fa il bis con un bellissimo sinistro a girare dal limite che si infila all'incrocio dei pali. Al 42' Madda è bravo a cercare il fondo e crossare per Lecci che sigla il 3-0. Al 43' De Matola scarica da venti metri un destro sulla traversa e sulla ribattuta Lecci spedisce incredibilmente alto. Il San Marco Avenza cerca di limitare i danni e mai si rende pericoloso. Nel primo tempo il portiere Vecchi è impegnato più dal gelido vento di tramontana che dalle conclusioni avversarie. Il primo tiro ospite al 46', con Petrozza, ma Vecchi devia in angolo. Poi torna in cattedra il Cecina, che rallenta ad arte il ritmo del gioco. Al 55' botta volante di De Matola e palla che si stampa sul palo. Al 60' è Guidoni di testa a centrare il legno alla destra di Mariani. Al 64' Di Luca per Forno e destro nell'angolino per il 4-0. Il Cecina fa accademia. Al 77' bomba di Fruzza dalla distanza e palla che sibila vicino all'incrocio, con Mariani esterrefatto. All'82' in contropiede il San Marco Avenza sorprende la difesa del Cecina e sigla il punto della bandiera con Petrozza.

Battuto dall'Avenza nello scontro diretto per la salvezza Il Tuttocalzatura sprofonda

il Tirreno — 16 febbraio 1998   pagina -1   sezione: SPORT


Tuttocalzatura S. Marco Avenza 1 2 TUTTOCALZATURA: Siri, Pellegrini, Longobardi, Corti (64' Ivone), Faraoni (76' Testi), Rossi, Marinai, Pardossi, Mazzei, Ravenna, Quiriconi. A disp. Ribechini, Pardossi, Migliorelli. All. Dinelli. S. MARCO AVENZA: Mariani, Carlini, Bedini, Pellacani, Laghi, Cassani, Carioli, Pisani, Petrozza (86' Danesi), Trombella (51' Mazzili), Salvetti. A disp. Tintifena, Barbieri, Marcucci. All. D'Este. ARBITRO: Mucci di Grosseto. RETI: al 47' Rossi, al 55' Salvetti, al 71' Petrozza. NOTE: espulsi al 79' Ravenna e all'86' Caeroli per somma di ammonizioni. di Luciano Gianfranceschi CASTELFRANCO DI SOTTO - Se le speranze di salvezza del Tuttocalzatura erano ridotte al lumicino, la vittoria del San Marco Avenza nel confronto diretto lascia ai castelfranchesi soltanto...il fanalino di coda della classifica. In campo ha fatto di più il Tuttocalzatura, come gioco; ma purtroppo peri biancoverdi anche come errori. A dispetto della bassa classifica, la partita è stata interessante. La squadra di casa ha avuto in capitan Pellegrini e in Ravenna i punti di riferimento, mentre per gli ospiti il dinamismo e l'opportunismo di Salvetti sono stati esemplari. Nel primo tempo, il Tuttocalzatura non è riuscito a sbloccare il punteggio nonostante al 3' un colpo di testa angolato di Quiriconi, al 28' una punizione di Ravenna deviata in angolo, e al 44' una botta ravvicinata di Marinai. Nella ripresa, i gol. Inizia al 47' il Tuttocalzatura con un assist di Graziani per Rossi, e rete del centrocampista avanzato. C'è subito dopo un episodio da rigore per atterramento in area di Mazzei, ma l'arbitro non rileva il fallo. Però l'errore madornale è della difesa di casa, al 55' imbambolata su una palla innocua che toccata da Salvetti carambola in porta. Gli apuani al 71' raddoppiano: punizione di Salvetti, testa dell'indisturbato Petrozza e il Tuttocalzatura sprofonda.

San Marco Avenza: è la giornata della condanna Montale senza troppi problemi

il Tirreno — 23 febbraio 1998   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Montale 0 1 SAN MARCO: Mariani, Frediani, Laghi, Pellacani, Bedini, Gassani, Carlini, Pisani, Petrozza, Salvetti, Trombella. A disp. Tinfena, Mazzilli, Passani, Pastine, Vaira. All. Deste. MONTALE: Meoni, Cobuzzi, Ducceschi, Mattia, Cirri, Somigli, Bucci, Guerrini, Sarti, Ginanni, Meazzini. A disp. Landi, Guasti, Landini, Ferri, Pifferi. All. Landi. ARBITRO: Baroncini di Pontedera (Valori-Botrini). RETE: 38' Ginanni (r). di Nicola Morosini AVENZA - Capolinea, signori si scende. Quella di ieri doveva essere per il San Marco la partita della svolta poichè in caso di vittoria i rossoblù si sarebbero potuti riavvicinare pericolosamente proprio al Montale, quart'ultimo in classifica, che non stava attraversando sicuramente un brillante stato di forma e di risultati, quale migliore occasione quindi, considerato anche che il San Marco veniva da un successo in casa del Tuttocalzautra. Purtroppo invece è stata proprio la giornata degli ospiti che con una rete di Ginanni su calcio di rigore conquistano tre punti al platino sul terreno della Covetta e condannano quasi irrimediabilmente gli avenzini. La cronaca. Parte bene il Montale che nella prima frazione offre buone trame di gioco al cospetto dei padroni di casa tropo contratti. La traversa colta al 23' da Sarti è il preludio al gol che giunge una decina di minuti dopo su calcio di rigore in cui Ginanni fa secco il portiere Mariani. Ripresa. Il San Marco decisamente non ci sta e cerca con tanta buona volontà anche se non con altrettanta lucidità il pareggio. Al 16' punizione di Petrozza, para Meoni. Al 22' e 25' due conclusioni di Petrozza e Pastine alte di un soffio ed a cinque minuti dalla fine è bravo il portiere ospite a dire di no ad un tiro di Laghi. Con il triplice fischio del signor Barontini cala il sipario sulle residue speranze del San Marco mentre da parte ospite è giusta esultanza per il successo della stagione

I ragazzi di Deste all'ultimo posto, ma i locali non sorridono Fucecchio condanna il S. Marco

il Tirreno — 02 marzo 1998   pagina -1   sezione: SPORT


SAN MARCO AVENZA - Tinfena, Carlini, Laghi, Pellacani, Frediani, Lucchesini (88' Marcucci), Pisani, Petrozza, Salvetti, Trombella, Pastine. All. Deste. ARBITRO - Di Gioia di Pistoia. RETI - Al 39' Barbanti, al 61' Petrozza, all'84' Malfatti su rigore. di Luciano Gianfranceschi FUCECCHIO - Appena un paio di campionati fa, Fucecchio e San Marco Avenza si contendevano la promozione in Eccellenza che poi toccò ad entrambi. Ora invece nella categoria superiore sono in affanno: gli ospiti, già virtualmente retrocessi, e il Fucecchio anche vincendo non ha convinto. Schierato da Bianconi con Mazzali sull'unica punta Trombella, il Fucecchio ha stentato a centrocampo in fase di costruzione di gioco. Infortunatosi subito Fabbri, dalla confusione si sono salvati Giusti e Mazzali, Bartalucci e Lucchesi. Invece gli apuani si sono disposti tutti in difesa, come se un punto potesse significare qualcosa per la salvezza. Imbottiti di giovani, hanno avuto punti di riferimento nel centravanti Salvetti e nel bravo portiere Tinfena. Quasi alla fine del primo tempo Barbanti ha sbloccato il risultato su cross di Lucchesi. Nella ripresa al 47' Carlini ha salvato sulla linea il raddoppio di Barbanti di testa, poi al 61' una veloce azione di Pisani è stata conclusa in rete da Petrozza, inseritosi sulla destra. Il merito del Fucecchio è stato di insistere caparbiamente: all'84' lo scatenato Lucchesi è stato atterrato in area apuana da Pallacani. Dal dischetto ha trasformato Malfatti, spiazzando Tinfena. Ed è stato il gol partita, che invece significa per il San Marco ultimo posto in classifica.


Vittoria meritata per 3-0 sul terreno del San Marco Avenza Solo l'Isola può sorridere Passi falsi per Piombino, Venturina e Audace

il Tirreno — 09 marzo 1998   pagina -1   sezione: SPORT


PIOMBINO - Domenica amara per quasi tutte le squadre del comprensorio ad eccezione dell'Isola d'Elba che si è imposta (3-0) sul campo del San Marco Avenza. Grazie a questi tre punti pesanti gli isolani si installano in una comoda posizione di centroclassifica a quota 32. Ma procediamo con ordine partendo dal campionato Nazionale Dilettanti dove il Venturina ha subito una inaspettata sconfitta interna (1-2) ad opera di una Colligiana attenta e pronta a sfruttare qualsiasi opportunità. I biancocelesti di Giannoni andavano in vantaggio al quarto d'ora grazie a Galligani, abile nello sfruttare un cross dalla destra. Dopo appena due minuti gli ospiti pervenivano al pareggio con Sacchini su punizione. In apertura di ripresa Pistolesi e compagni incassavano addirittura il 2-1 su contropiede di Paglianti. I padroni di casa cercavano disperatamente di raddrizzare il risultato e nel finale (mancavano sette minuti al termine) avevano la grande opportunità per pareggiare su calcio di rigore. Madau, dal dischetto, calciava sicuro sulla sinistra del portiere il quale però riusciva a deviare in angolo. Svanita questa grande occasione la partita si chiudeva con l'amaro in bocca per i venturinesi, chiamati ad un pronto riscatto fin dalla prossima partita. In Promozione rocambolesca partita a Portoferraio dove l'Audace è stata sconfitta (2-3) dal Casteldelpiano, diretto concorrente nella lotta per la salvezza. Il gol vincente per i maremmani è scaturito al 47' del secondo tempo con Rutilio in netta posizione di fuorigioco evidenziata dal guardalinee ma ignorata dal direttore di gara. Inutili le proteste degli elbani. L'arbitro nel concitato finale ha espulso i giocatori Polidori e Bersellini, l'allenatore Corradino Martorella e il dirigente Magagnini. A seguito di questa ingiusta sconfitta la situazione dell'Audace si fa veramente drammatica. Anche il Piombino esce con le ossa rotte dal temibile campo di Perignano. I ragazzi di Serena sono stati, infatti, battuti con un perentorio 3-1. Al di là della sconfitta (il primo tempo si è chiuso 2-0) il bilancio di questa trasferta è piuttosto negativo per gli infortuni riportati da Granucci e Pierozzi i quali dovranno osservare un lungo periodo di riposo. Il gol della bandiera per i nerazzurri è stato realizzato da Venditto. Questa la situazione sul fondo classifica: Audace fanalino di coda con 16 punti, quindi Piombino con 17 alle spalle dell'accoppiata Casteldelpiano e Argentario a quota 20. In Prima Categoria bel pareggio del Riotorto (1-1) a Castiglioncello. In svantaggio dopo pochi minuti su rigore, Fossi e compagni sono pervenuti al pareggio nel finale della prima parte di gioco con Braccagni. L'altra partita fra San Vincenzo e Campese si è chiusa con la spartizione della posta (1-1). (i.b.) LA DOMENICA NEL PALLONE

S.M. Avenza costretto a rinunciare alle ultime speranze Larcianese a passo di carica

il Tirreno — 16 marzo 1998   pagina -1   sezione: SPORT


Larcianese S.M. Avenza 3 0 LARCIANESE: Gelli, Bargellini, Rossi (84' Pucci), Nistri, Sarritzu, Gori, Malucchi, Marini (73' Scarpato), Bartolomei, Fabiani, Lischi (71' Spinelli). A disp: Fregonas, Guerrieri. All. Melani. S.M. AVENZA: Tinfena, Vaira (76' Danesi), Passani (62' Giacomelli), Pellacane, Frediani, Carlini (65' Pascale), Carioli, Petrozzi, Trombella, Pisani, Pastine. A disp: Mariani, Marcucci. All. Vestri. ARBITRO: Caroti di Pontedera. RETI: al 35' Lischi, al 59' Marini, al 62' Fabiani. di Leopoldo Pinochi LARCIANO - I viola padroni di casa superano senza eccessive difficoltà un San Marco Avenza ormai condannato alla retrocessione nella categoria inferiore. In pratica non c'è stata partita, con la squadra di Melani che ha ottenuto il massimo con il minimo dispendio di energie fatto non trascurabile se si considera che mercoledì prossimo i locali scenderanno nuovamente in campo per la Coppa Italia. Per poter assistere alla prima azione degna di nota bisogna attendere il 30'. Malucchi riceve palla e prova a superare il portiere avversario con un pallonetto, Vaira riesce a respingere anche se dalle tribune l'impressione e che la sfera abbia superato la linea bianca. Passano appena cinque minuti e la Larcianese va in gol con Lischi abile a superare Tinfena con un preciso tiro al volo. Anche nella seconda frazione di gioco la musica non cambia con i padroni di casa che controllano agevolmente un'avversario apparso demotivato e inconcludente. Al 59' Bartolomei e compagni raddoppiano con Marini, grazie ad una splendida conclusione a girare dal limite dell'area sulla quale l'estremo difensore carrarino non si può opporre. Tre minuti più tardi i viola chiudono definitivamente il match con Fabiani che sorprende con una palombella il portiere del San Marco nell'occasione un pò troppo avanzato. L'ultima mezz'ora scivola via nella noia più assoluta con gli ospiti che vedono avvicinarsi domenica dopo domenica il verdetto della retrocessione, e con la squadra di Melani ormai proiettata alla sfida di Coppa in programma tra due giorni in Emilia con la Bagnolese.

San Marco condannato Picchi su rigore, ma ormai non serve più

il Tirreno — 30 marzo 1998   pagina -1   sezione: SPORT


SAN MARCO AVENZA: Tinfena, Carlini, Laghi, Pellacani, Frediani, Carioli, Petrozza, Salvetti, Tosi, Pisani. A disp. Mariani, Pastine, Trombella, Passani, Pascale. All. D'Este. ARBITRO: D'Amore di Prato. RETE: 85' Cardinali su rigore. di Giulio Corsi LIVORNO - Fine della corsa. E delle ultime, piccolissime speranze di riagganciarsi al treno della salvezza. Soccombe allo scadere il San Marco Avenza sul terreno dei Salesiani. E il rigore trasformato a cinque minuti dal termine da Cardinali, se da un lato consegna nella mani del Picchi tre punti poco utili, buoni solo per riavvicinarsi ad un gruppo di vertice troppe volte inseguito e troppe volte lasciato fuggire, dall'altro decreta in maniera definitiva la retrocessione dei carrarini. A cui in verità neanche un punto avrebbe permesso di continuare la battaglia, ma che fino a quel momento avevano sperato di conquistare l'intero bottino e di poter lottare così almeno un'altra domenica in un'impresa che appena un mese fa appariva impossibile. L'Avenza infatti, era stato bravo a ribaltare nel secondo tempo il predominio netto che il Picchi aveva avuto durante la prima frazione, riuscendo a portarsi in più di una occasione dalle parti di Cantini. E mettendo per un quarto d'ora abbondante i labronici con le spalle al muro. Pronti quest'ultimi però a ripartire in velocità sugli errori carrarini e a colpire in contropiede. E proprio dal contropiede nasceva l'episodio decisivo del match. Scambio veloce Pozzi-Cardinali-Pozzi, atterramento in area ai danni dell'ex Montevarchi e trasformazione dagli undici metri di Cardinali. Che con un rasoterra preciso alla sinistra di Tinfena scriveva la parola fine all'incontro e al campionato dell'Avenza. Il Picchi era partito forte e nel primo tempo aveva avuto almeno due occasioni per centrare il vantaggio, ma prima (34'), una deviazione della difesa ospite spediva sul palo un bel diagonale di Malvezzi, poi (39'), Tinfena si opponeva in uscita alla conclusione di Masi. La ripresa era di marca rossoblu. Con i livornesi calati a livello mentale, ma sempre pronti a risvegliarsi sulle ali della velocità. Ad aprire gli attacchi dell'Avenza era Salvetti (53'), ma la sua sparata dal limite terminava alta. Ancora cinque minuti e l'invito di Tosi per Carioli non era sfruttato dall'ala rossoblu, che non riusciva a concludere. Al 65' poi arrivava l'opportunità più ghiotta per il San Marco, con un inserimento in dribbling di Tosi sul fondo, a cui però Cantini si opponeva in tuffo

Con il San Marco interessante match «fuori classifica» Folgor, una vittoria che non serve

il Tirreno — 06 aprile 1998   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Folgor Marlia 2 3 SAN MARCO: Tinfena, Carlini, Laghi, Pellacani, Frediani, Luchesini, Petrozza, Salvetti, Tosi, Trombella, Pisani. A disp. Mariani, Carioli, Orsolino, Viviani, Gasparotti. All. Deste. FOLGOR MARLIA: Sartini, Baroni, Giannoni, Paolinelli, Nardini, Pardini, Vannucci, Madda, Chelotti, Cerasa, Palagi. A disp. Lucchesi, Bianchini, Roventini, Mattioli, Del Cima. All. Maracci. ARBITRO: Salvetti di Prato (Soraci-Celentano di Livorno). RETI: 2' Palagi (r), 10' Chelotti, 15' Carlini, 24' aut. Giannoni, 75' Chelotti. AVENZA - Gol ed emozioni sul terreno della Covetta nonostante il match tra le ultime due della classe non rivestisse particolare importanza per la classifica. Sotto una pioggia insistente e fastidiosa San Marco e Folgor Marlia si sono affrontate a viso aperto lottando su ogni pallone ed alla fine l'hanno spuntata gli ospiti con Chelotti, ex di turno, nella parte dell'uomo partita. Già al secondo il Folgor Marlia passava in vantaggio grazie ad un penalty realizzato da Palagi. Passano soltanto otto minuti e c'è il raddoppio. Un ispiratissimo Chelotti ben lanciato a rete, salta Tinfena e segna con un gran destro. Il San Marco non ci sta e comincia a premere anche se in modo confusionario. Al quarto d'ora trova però la rete dell'1-2 con Carlini lesto ad infilare Sartini con un preciso colpo di testa e lo stesso Carlini, il migliore dei suoi al 24' provoca l'autorete ospite che vale il pareggio con cui le due formazioni vanno al riposo. Ripresa caratterizzata da una decisa supremazia ospite. Al 10' Colpo di testa di Pardini a lato mentre al 20' Chelotti su punizione spedisce fuori. I rossoblù si fanno vivi con Trombella che, a botta sicura, scheggia il palo. Al 30' la rete della vittoria di Chelotti lanciato in contropiede.(n.m.)

Cuoiopelli bloccata sul 2-2 dal San Marco Avenza

il Tirreno — 19 aprile 1998   pagina -1   sezione: SPORT


CUOIOPELLI: Maffei, Valori (dall'81' Daini), Paciscopi, Gozzani, Benedetti (dal 68' Fabbrini), Bedini, Colonnata, Magni, Cipriani, Bikai (dal 59' Guidi), Mosti. All. Caramelli. S. MARCO AVENZA: Tinfena, Carlini, Laghi, Pellacani, Frediani, Lucchesini (dal 75' Gasparotti), Carioli, Petrozza (dal 46' Pisani), Tosi, Salvetti, Trombella (dal 46' Bianchini). All. D'Este. ARBITRO: Gambini (Lucca). RETI: al 13' Colonnata, al 48' Bianchini, al 52' Tosi, al 91' Mussi. SANTA CROCE - Partita di fine campionato tra la Cuoiopelli, più tecnica, contro il San Marco Avenza, più giovane e volenteroso anche se troppo spesso sibilanciato in avanti. Ne è venuto fuori che nel primo tempo, con il vento a favore, i conciatori sono andati subito a segno al 13' quando Colonnata ha sbloccato il risultato di testa su preciso traversone di Cipriani. E' stato un primo tempo dominato dalla Cuoiopelli, ma la partita è cambiata nella ripresa, tanto è vero che il San Marco ha addirittura rovesciato il punteggio. Al 48' da una palla presa a centrocampo dai conciari, Maffei è uscito respingendo fuori dall'area dove è intervenuto Bianchini che ha tirato nella porta sguarnita insaccando da 25 metri. Al 58' c'è stata un'altra azione del San Marco Avenza: traversone di Pisano dalla sinistra, Tosi al volo ha insaccato tra le gambe del portiere di casa. Soltanto a questo punto la Cuoiopelli ha avuto una reazione per salvare la faccia, se non il risultato. All'87' si è vista negare un rigore su Magni, ma comunque al primo dei quattro minuti di recupero Mussi, con un'azione personale, ha insaccato fissando il punteggio sul 2-2.

.

Grosseto, una vittoria che sa di amaro Non basta ai maremmani il successo con il S.M. Avenza condannato

il Tirreno — 27 aprile 1998   pagina -1   sezione: SPORT


San Marco Avenza Grosseto 0 1 SAN MARCO AVENZA: Tinfena, Carlini, Laghi, Pellecani, Gasparotti, Lucchesini, Carioli, Salvetti, Bianchini (40' s.t. Barbieri), Trombella, Pisani. A disp. Mariani, Pascale, Bedini, Tosi. All. Deste. GROSSETO: Montorsi, Scorsini Bogi, Pieri, Soatto, Sani, Battazzi, Perini, Ferri (30' Righetti), Bindi, Mucciarelli (38' Lagordi). A disp. Marchetti, FRanchi, Magini. All. Cacitti (squalificato, in panchina Bulleri). ARBITRO: Becattini di Pistoia (Billi e Corrieri). RETE: Sani al 31' p.t. di Daniele Marzi AVENZA DI CARRARA - Niente da fare per il Grosseto. Come previsto il filo di speranza a cui erano legate le ambizioni di promozione diretta del Grifone nel Campionato nazionale dilettanti si è spezzato, nonostante una agevole quanto scontata vittoria sul terreno del fanalino di coda San Marco Avenza, già da tempo rassegnato alla retrocessione. La chiave per aprire il cassetto dei sogni biancorossi di questa stagione è ora celata dietro le insidie degli spareggi che i torelli di mister Cacitti dovranno disputare sino a maggio inoltrato prima col San Quirico (seconda classificata nel girone B di Eccellenza toscana), dopodiché dovranno vedersela con la vincente dello spareggio tra le seconde classificate dei gironi umbro e abruzzese di pari categoria. La partita non ha regalato molte emozioni, solo qualche sprazzo di buon gioco da entrambe le parti fino alla mezz'ora del primo tempo, fino a quando cioè Sani, in assoluto il migliore in campo, ha rotto l'equilibrio con un fendente da poco dentro l'area di rigore aventina, sul quale Tinfena in uscita non ha potuto nulla. Già in diverse occasioni i maremmani si erano resi pericolosi dalle parti dell'estremo difensore rossoblù, ma la troppa foga degli avanti grossetani non ha permesso di archiviare la pratica in anticipo. I padroni di casa, formazione tra le più giovani del torneo, hanno cercato di limitare il passivo, opponendo al consueto 3-5-2 del Grosseto, una tattica basata sostanzialmente su contenimento e qualche azione di rimessa. Il monologo ospite, che ha preso forma dalle menti del centrocampo Bindi e Perini è iniziato al 7' del primo tempo, dopo alcuni minuti di flebile superiorità territoriale carrarina: Ferri riceve dalla destra e si libera dal guardiano Gasparotto, giunto al limite dell'area lascia partire un beffardo pallonetto che va a finire la sua corsa sul fondo. Nel giro dei tre minuti poi il Grosseto colleziona ben tre occasioni, ma solo l'ultima va a buon fine: 29' Sani appostato sul vertice sinistro sfrutta un liscio di Pellacani e spara a rete, Tinfena ci mette una pezza; 30' la più bella azione del match nasce sulla fascia destra, Soatto e Mucciarelli scambiano a giungono in prossimità dell'area aventina, il centrale maremmano pennella poi un perfetto cross per l'accorrente Ferri che con una deliziosa girata al colo costringe Tinfena ad uno straordinario intervento. Un minuto dopo Sani riesce a sbloccare il risultato con una azione analoga alla sua precedente: stavolta il destro e potente ed angolato. Sull'1-0 la partita praticamente finisce, coi tifosi maremmani in delirio ed in attesa di notizie da Cascina. La festa biancorossa però dura solo fino alle 17,14 quando giunge alla Corbetta la notizia del vantaggio cascinese sul Cappiano, risultato che regala la promozione diretta ai pisani. Ancora sofferenza per il Grifone quindi che ora dovrà aspettare ancora un mesetto per coronare al meglio una già positiva stagione. NOTE: grossa rappresentanza di tifosi biancorossi al seguito della squadra. Ammonito Pellacani per il San Marco Avenza. A fine gara momenti di tensione per una rissa scoppiata in tribuna fra i tifosi delle due squadre.

23/06/2010



Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player






16
ott

ECCELLENZA
Benedetti-gol, altri tre punti casalinghi

7
ott

SMA 1926
Le gare del weekend

30
set

S.M. AVENZA
Le partite del weekend

25
set

S.M. AVENZA
I risultati del weekend

22
set

S.M. AVENZA
Le gare del fine settimana

18
set

ECCELLENZA
Rossoblu sconfitti a Castelfiorentino

16
set

S.M. AVENZA
Il programma del weekend



Guarda le ultime News

P.I.:01145510457 - Realizzato da Mantra Multimedia
Guarda le ultime News